Social Media Analysis: come iniziarla?

analizzare_social-network
25 Maggio 2018 |

Qualche semplice linea guida per imparare fin da subito a fare una Social Media Analysis aziendale.

Ormai ve l’abbiamo detto diverse volte: al giorno d’oggi i social network sono una prerogativa per (quasi) tutte le aziende che vogliono aumentare la propria portata o lanciare un nuovo prodotto o servizio. Ovviamente, non è necessario che siano presenti su tutti i social network possibili e immaginabili dato che ognuna, in base al proprio settore o target, ha quello più consono all’obbiettivo che si vuole raggiungere. Ancora più ovvio (si spera) è il fatto che una volta aperti e fatti partire, i social network aziendali vadano tenuti d’occhio e studiati per capirne l’andamento, cosa si è fatto bene e cosa si può cambiare, ossia fare la cosiddetta Social Media Analysis, aspetto fondamentale per una corretta gestione.

I primi passi per farla sono molto semplici e alla portata di tutti:

  1. Guardare attentamente la copertura e le interazioni dei singoli post pubblicati. Da non confondere, mi raccomando, copertura con visualizzazioni: la prima intende il numero di persone che hanno visto il post, la seconda il numero totale delle volte che un post viene visto. Le interazioni, invece, sono i vari like, commenti, share e click che un post riceve, cioè quello che al capo piace sicuramente di più;
  2. Analizzare e rapportare questi dati per ottenere il tasso di interazione dei singoli post e quello medio della pagina stessa: se è superiore all’1% state probabilmente facendo un buon lavoro;
  3. Capire qual è la tipologia migliore di post e valorizzarla. Quella invece che ottiene meno risultati, modificarla (o eliminarla) e ottimizzarla (o dimenticarla proprio) per permettergli di raggiungere maggiori risultati;
  4. Non solo post. Bisogna tenere assolutamente d’occhio il numero dei fan della pagina (se stanno diminuendo, c’è qualcosa che non va nella vostra strategia) e i vari “bottoni” presenti: click al sito web, invia una e-mail, richiesta indicazioni stradali etc;
  5. Osservare, osservare e osservare: un bravo addetto alla Social Media Analysis deve tenere d’occhio la concorrenza (o aziende che trattano argomenti simili) così da prendere spunto per realizzare contenuti sempre aggiornati e più accattivanti.

Se poi vorrete sbatterci meno la testa, ci sono anche degli strumenti a pagamento come Simply Measured, Talkwalker e tanti altri ancora, ma dipende dal budget che avete a disposizione.

Altrimenti, potete semplicemente affidarvi a noi e stare senza pensieri. Contattateci cliccando QUI e preparatevi a viaggiare nel nostro spazio di idee 🚀