News gravitazionali #2 – Le novità dall’universo social

news2
15 Dicembre 2018 |

Facebook non smette di aggiornarsi e LinkedIn migliora l’invio dei messaggi privati.

 

Si stanno avvicinando le tanto bramate ferie, ma non per i social network, perennemente a lavoro per offrire agli utenti interfacce e servizi migliori.

Andiamo, allora, a scoprire le ultime novità dall’universo social:

Facebook

Mentre Menlo Park sta ponendo le basi per aprire la sua prima filiale in Cina – dove il social network più celebre al mondo è bloccato – sta rendendo, piano piano, più frequenti per i grandi brand le inserzioni supportate dalla realtà virtuale (di cui vi abbiamo parlato qui) e ha introdotto una nuova etichetta per l’influencer marketing. D’ora in poi, anche su Facebook i post delle varie Ferragni sparse nel globo presenteranno l’etichetta “Brand partnership”, così da rendere subito palese la collaborazione con un determinato marchio.

Ma non solo, dovrebbe comparire presto anche l’etichetta “PoliticalAD” per i contenuti con all’interno pubblicità politica.

LinkedIn

Per chi è solito inviare messaggi privati tramite l’app, sono in arrivo aggiornamenti che renderanno il tutto molto più semplice:

  • Più spazio per la scrittura: se si vorrà scrivere un testo lungo, basterà tirare su la tab dove si digita e si avrà più spazio, così da poter avere tutto facilmente sott’occhio;
  • Allegati: sarà più facile allegare al messaggio file di diversa tipologia (PDF, DOC, XLS e PPT);
  • Gruppi: con un semplice click sul tato + si potranno creare chat con più utenti;
  • Tag: così come su i social di Mark Zuckerberg, anche qui si potrà menzionare un utente mettendo la @ prima del suo nome.

Pinterest

Il social network prediletto da qualsiasi fashion addicted ha puntato a migliorare l’esperienza dei suoi utenti riducendo il tempo di upload dei dati e introducendo la modalità notte, disponibile per la versione mobile.

Snapachat

Il 30 agosto chiuderà i battenti Snapcash,  il protocollo di pagamenti peer-to-peer utilizzato dagli utenti per inviare del denaro direttamente dall’app. Il motivo vero e proprio non si sa, ma la causa più plausibile è la troppo forte e affollata concorrenza, non solo limitata ai social network.